Gemellopoli - La città dei gemelli e delle gemelle

:: In primo piano ::


:: GEMELLOPOLI ::


Siti Amici


Se volete far parte di Gemellopoli basta inviare una foto dei gemelli/e (indicando i loro nomi, il cognome, la data e il luogo di nascita) al seguente indirizzo di posta: info@gemellopoli.it



Gemelle siamesi separate per legge

I giornali di allora li chiamavano Jodie e Marie e sono rimaste nell'immaginario collettivo come una grande dilemma etico. I loro nomi reali sono Gracie e Rosie. Erano gemelle siamesi. Furono separate per decisione della legge: Gracie-Jodie si salvò, Rosie-Marie era destinata alla morte. Anche Ian McEwan ha dedicato il suo nuovo libro - The Children Act - proprio al conflitto interiore dei genitori di tutti quei genitori le cui convinzioni etiche entrano in crisi quando i figli si ammalano.



Gracie ora racconta la sua storia. Solo a poco a poco le hanno raccontato la storia della sua gemella Rosie, la sorella che morta poco dopo la loro nascita: "Mamma e papà mi hanno portata al cimitero dove è sepolto Rosie e mi hanno detto: 'Lei è tua sorella, e tu eri la sua gemella'. Guardando sul web ho scoperto che la nostra storia aveva fatto il giro del mondo". Gracie ha 14 anni è intelligente, divertente e volubile, ama andare in bicicletta e nuotare e vuole diventare un medico. Ma nell'agosto del 2000 la sua vita è stata oggetto di un dibattito etico che ha attanagliato il mondo. Gracie e Rosie erano due gemelle siamesi e condividevano aorta, vescica e sistema circolatorio. Gracie era robusta, Rosie era debole e in difficoltà. In realtà, Rosie viveva grazie a Gracie. Cosa si sarebbe dovuto fare?
Per i medici se le bambine non fossero state separate entro due mesi sarebbero morte entrambe. Eppure, separandole Rosie sarebbe stata sacrificata per salvare Gracie. Per Michael e Rina Attard, i genitori, il dilemma era straziante. Entrambi ferventi cattolici, non avevano mai pensato ad abortire e decisero di lasciare le loro ragazze congiunte. "Abbiamo deciso che era meglio mettere il loro futuro nelle mani di Dio", disse Rina. Ma i Giudici inglesi non erano della stessa opinione e decretarono che le gemelle dovessero essere separate. Ecco il racconto tratto dalla Repubblica di allora: "Mary morirà. Jodie forse potrà vivere. I medici proveranno a salvarla dividendola dal corpo della sorella gemella a cui è legata dall'addome. Tenteranno l'impossibile i chirurghi dell'ospedale St Mary di Manchester, e lo faranno anche se i genitori delle due piccole siamesi non sono d'accordo, anche se hanno negato il consenso all'operazione. I medici divideranno lo stesso i due corpicini, uccidendo una delle gemelle per salvare l'altra, perché così dice una sentenza. Così ha stabilito ieri il giudice dell'Alta Corte inglese, Justice Johnson. 'Per salvare una delle bimbe - ha detto Johnson - bisogna sacrificare quella più debole'. Mary e Jodie - indicate con falsi nomi per tutelare la loro identità - sono nate l' 8 agosto. Mary non ha cuore, né polmoni.'Il sangue e l'ossigeno vengono esclusivamente da Jodie'. ha osservato il giudice nella sentenza: secondo i medici, Jodie è il motore che mantiene in vita Mary".
Rosie morì sei ore dopo il complesso intervento chirurgico di 20 ore. Altri interventi chirurgici seguirono per consentire a Gracie di camminare e sfrecciare veloce sulla sua bicicletta. Per la prima volta Gracie parla al Daily Mail e racconta dei suoi sentimenti. "Vorrei che Rosie fosse qui anche se non ho alcun ricordo di lei", dice Gracie. "Non mi sento in colpa per esserle sopravvissuta perché quello che è successo non è stata una mia decisione. Non ho pianto, ma c'è tristezza e vorrei che fosse con me. A volte, quando ho bisogno di qualcuno che mi aiuti, ad esempio quando devo fare un esame, mi dico: 'Aiutami, sorellina mia!" Perché è quello che fanno le sorelle".

fonte: Gemelle siamesi separate per legge


:: Inizio pagina ::